Imperia: i suoi borghi affascinanti

Tra caruggi e creuze

9 Settembre 2016

Relax

Il post “caffè lungo” è ideale per la tua pausa caffè. Lo leggi in 6-8 minuti.

 

Sono arrivata a Imperia per motivi non vacanzieri, ma a tutti gli effetti in vacanza mi sono sentita. Non so cosa sia stato, forse i suoi borghi affascinanti. Non so cosa mi abbia fatto scattare quella sensazione di totale assenza da tutto ciò che c’era a oltre 300 chilometri di distanza da lì, da quella che si definisce la vita quotidiana, fatta di cose belle, sì, ma anche di impegni improrogabili, di orari da rispettare, di scadenze.

Non la credevo così affascinante questa città della Riviera dei Fiori, ma era un pensiero legato al motivo per cui mi trovavo lì; quando è in vacanza la mente va in stand by e automaticamente ti fa assaporare la bellezza dei luoghi che visiterai ancora prima di vederli.

La mia trasferta di tre giorni nella zona di Porto San Maurizio mi ha fatto innamorare del mare, ancor più di quanto già non lo fossi.

Come non restare affascinati dalla sinfonia di colori delle case di Imperia, da quei balconi in ferro battuto che fanno sembrare ogni cosa più fiabesca. Ho scoperto Borgo Marina con una passeggiata poco prima dell’ora del tramonto, quando la luce rende l’atmosfera unica, quando la brezza del vento serale rende meno pesante il caldo del giorno. Un’ora in cui tutto sembra possibile in estate.

Passeggiando per le case colorate di piazza Sant’Antonio ho conosciuto angoli affascinanti. I vicoli e i viottoli della città, che ho scoperto poi essere chiamati rispettivamente caruggi e creuze, hanno avuto su di me un effetto magico, di quelli che ti fanno fantasticare sulle storie che s’intrecciano dentro quelle case colorate. Panni stesi ad asciugare (da sempre forieri di belle storie), turisti dagli sguardi curiosi sotto i loro cappelli di paglia, rumore delle onde, gelato per concludere la cena, insomma, estate. Ecco cos’è stata per me Imperia, un sospiro di sollievo in questa nuova estate bella, ma piena zeppa di punti interrogativi da vendere.

Ho curiosato lungo le sue stradine con gli occhi di una bambina, con la semplicità che fa parte di loro lasciando che l’anima di questa città ligure, nata nel 1923 con l’unione di undici comuni limitrofi, mi facesse capire qualcosa, che mi facesse l’occhiolino, come poi è stato, soprattutto quando ho messo piede nel Parasio, l’antico torrione usato come fortezza e poi come carcere, oggi uno dei quartieri più suggestivi e storici di Porto San Maurizio.

Stessa sensazione per Borgo Marina, l’antico borgo di pescatori direttamente davanti al porto (api piedi del Parasio) dove affascinanti barche a vela (e non solo) riposano ormeggiate aspettando un nuovo viaggio in cui issare le loro vele. Visitarlo di sera è un’esperienza che ti resta dentro, soprattutto a chi è appassionato di viaggi per mare.   

È stata una piacevole scoperta via dei Pellegrini in cui sono arrivata per caso, dopo un giro del borgo. Ho respirato e ammirato la bellezza delle sue Buganville gioiose. Così come sono stata piacevolmente colpita dall’idea che hanno avuto all’Oasi, La Pizza! una pizzeria gourmet in piazza Sant’Antonio dove la convivialità con i componenti del nostro tavolo è protagonista. Il personale passa per i tavoli proponendo vari tipi di pizza e di primi piatti, e tu puoi scegliere di consumare quello che più ti piace. Ogni piatto è preparato con prodotti freschi per lo più di provenienza locale. Un’idea curiosa e piatti gustosissimi, da provare!

Ho assaporato il gusto di un buonissimo caffè freddo seduta al tavolo del Caffè Vergnano in via Scarincio dove ho lasciato che il rumore del vento e il sapore del salmastro mi avvolgessero, in quel luogo dove tutto vive di suggestioni.    

Ho trovato affascinante il lungomare d’Imperia, dove mi sono sentita un po’ a casa perché… dove c’è mare c’è sempre un po’ casa.  

 

Laura Rossiello

giornalista, ghostwriter, copywriter

Ti piace questo post?

Altre storie

per la tua pausa caffè

Alla scoperta di Vienna

Alla scoperta di Vienna

Vienna è una di quelle città senza tempo in cui si respira cultura a ogni angolo, in ogni strada, in ogni vicolo. Ricca di musei e pezzi di storia asburgica – come non ricordare la principess...

Relax

Il post “caffè lungo” è ideale per la tua pausa caffè. Lo leggi in 6-8 minuti.

Panorama

Lisbona: 3 cose di cui innamorarsi

Se mi chiedessero cosa ricordo di Lisbona non avrei grandi dubbi. Per me Lisbona è panorami, colori, romanticismo, le 3 cose di cui innamorarsi. E’ una città che ti rapisce, che ti entra dent...

Relax

Il post “caffè lungo” è ideale per la tua pausa caffè. Lo leggi in 6-8 minuti.

Locali sulla riva del Douro

Porto: sinfonia di atmosfere

Porto è una sinfonia di colori, suoni, atmosfere. Passeggiare lungo la riva del fiume ti fa sentire leggero, quasi in pace con te stesso. A dirla tutta è il Portogallo a regalarti emozioni così, in...

Relax

Il post “caffè lungo” è ideale per la tua pausa caffè. Lo leggi in 6-8 minuti.

Lago di Garda

Lago di Garda: un luogo in cui tornare, sempre

Amo scoprire l’Italia, i suoi angoli e le sue particolarità, ecco perché spesso prendo la valigia e vado, ecco perché qualche tempo fa ho visitato il Lago di Garda. Ho infilato pochi abiti in...

Relax

Il post “caffè lungo” è ideale per la tua pausa caffè. Lo leggi in 6-8 minuti.

Mostra la barra

Laura Rossiello

giornalista, ghostwriter, copywriter

Non necessariamente in questa successione. Ho fatto di una passione un lavoro, sono passata dagli...
di più su me

[instagram-feed cols="2" showlikes=false showfollow=true num=4 showcaption=false showheader=false showbutton=false followtext="Seguimi" hoverdisplay="false" disablelightbox=false ]

coffe time

Caffè ristretto Un post concentrato da leggere in soli 3-4 minuti.
Caffè corto Un post che puoi leggere in 5-6 minuti.
Caffè lungo Il post ideale per una pausa caffè con qualche biscottino, è un post che puoi leggere in 6-8 minuti.

Book
crossing

sullo scaffale di Moka teller

Questo
lunedì

Ti consiglio