Stare al tempo presente

Scritti di un viaggio sulla strada del ritorno

28 gennaio 2019

Hai qualche minuto?

Il post “caffè corto” lo leggi in 5-6 minuti.

Ho deciso di parlarvi di Stare al tempo presente di Matteo Mannucci perché l’ho trovato ricco, pieno, emozionale. Chi mi legge sa che io e la poesia siamo mondi a parte, almeno è quello che mi ripeto sempre. Nonostante questo una volta scoperto questo libro l’ho letto con la rapidità con cui sono abituata a divorare romanzi che si confanno di più alla mia indole. Probabilmente questo perché l’autore in questa raccolta di haiku racconta la realtà, la necessità di scoprire sfumature nuove e sempre diverse. 

stare al tempo presente

 

Stare al tempo presente è un viaggio vero e proprio diviso in due parti. La prima “La partenza” è uno spogliarsi, uno svelarsi al lettore con naturalezza e verità, un percorso personale dell’autore di cui si percepisce la sua parte inconscia, il suo sentire e il suo raccontarsi attraverso parole e testi, scritti e filosofia, come se fossero parti di uno stesso tutto. Tra gli altri momenti della narrazione mi è piaciuto molto quando Matteo, nel suo Invito alla riflessione cita Il libraio di Selinunte di Roberto Vecchioni, libro che per me rappresenta una perla, un santino da tenere sempre sopra il comodino e rispolverare ogni volta che ne hai bisogno. Ho trovato forte la sua capacità di saltare da un tema all’altro con maestria senza rendere pesante la lettura, perché, parliamoci chiaro, l’autore nel suo libro non parla di argomenti leggeri, eppure non risultano mai faticosi. Insomma, per tutti questi motivi Stare al tempo presente è un testo coraggioso.  

La sua seconda parte che è quella che riguarda gli 84 haiku (definiti gesti essenziali) racconta il viaggio attraverso terre liquide che da pianure diventano deserti, montagne, laghi, giorno, notte. Voci che si susseguono intersecandosi e completandosi. Questo lavoro che si nasconde dietro la scrittura si percepisce sfogliando le pagine una dopo l’altra.

“La vita quando si mette d’impegno, è capace di scardinare porte, fabbricare chiavi, rompere catene, frantumare torri, scavalcare monti, oceani, setacciare boschi pur di prenderti e portarti con sé, a sentir vivere; così un giorno di primavera quando le foglie dell’acero erano giovani, tutto cambiò per sempre” (p. 23)    

Consiglio a tutti questo libro qui davanti a un caffè, lo consiglio perché riesce a riappacificarti un po’ con te stesso, riesce a farti capire davvero che siamo tutti legati da mostri e paure che in un modo o nell’altro la vita riesce e farteli superare con i suoi modi, con i suoi tempi. Nessuno è esente da queste emozioni e Matteo in queste pagine ce lo spiega attraverso la sua esperienza di vita.

Mi piace immaginare Stare al tempo presente come un viaggio senza valigie, con soltanto una zaino in spalla pieno di parole e immagini, tutto quello che serve nella vita per raggiungere l’essenziale. 


 

Titolo: Stare al tempo presente 

Autore: Matteo Mannucci 

Editore: edizione Del Boccale  

Pagine: 168

Prezzo di copertina: € 15,00

 

 

 

Laura Rossiello

giornalista, ghostwriter, copywriter

Ti piace questo post?

Altre storie

per la tua pausa caffè

storia di due donne e di uno specchio

Storia di due donne e di uno specchio

il nuovo romanzo di Edoardo Zambelli

Non è stato così semplice decifrare ciò che si nascondeva dietro a Storia di due donne e di uno specchio edito da Laurana. Poi, senza alcun motivo apparente un giorno arrivata a metà del libro, ecc...

Relax

Il post “caffè lungo” è ideale per la tua pausa caffè. Lo leggi in 6-8 minuti.

suite francese

Suite francese: la scrittura di Irene Nemirovsky

Una storia triste e piena di speranza

Suite francese, non avrei mai immaginato che mi prendesse in questo modo. Non esagero no, non lo avrei mai immaginato perché tutto ciò che riguarda la guerra, la sofferenza e le immagini di dolore ...

Relax

Il post “caffè lungo” è ideale per la tua pausa caffè. Lo leggi in 6-8 minuti.

Fuori piove

Fuori piove

La storia di un'amicizia tutta al femminile

Un libro porta sempre con se delle sensazioni, forse sarebbe meglio chiamarle emozioni. Quelle che mi ha suscitato Fuori piove, di Serena Ricciardulli, che tra l’altro è una mia concittadina,...

Hai qualche minuto?

Il post “caffè corto” lo leggi in 5-6 minuti.

Nomi di donna

Nomi di donna

I tredici racconti di Gianluca Pirozzi

Nomi di donna è un libro che parla di destini. L’ho pensato subito, appena ho letto le prime storie delle tredici donne di cui racconta. C’è Monica, che ha perso il marito psicologo uc...

Hai qualche minuto?

Il post “caffè corto” lo leggi in 5-6 minuti.

Mostra la barra

Laura Rossiello

giornalista, ghostwriter, copywriter

Non necessariamente in questa successione. Ho fatto di una passione un lavoro, sono passata dagli...
di più su me

coffe time

Caffè ristretto Un post concentrato da leggere in soli 3-4 minuti.
Caffè corto Un post che puoi leggere in 5-6 minuti.
Caffè lungo Il post ideale per una pausa caffè con qualche biscottino, è un post che puoi leggere in 6-8 minuti.

Book
crossing

sullo scaffale di Moka teller

Questo
lunedì

Ti consiglio