Pet Therapy: la terapia con gli animali

In questo nuovo articolo mi preme parlare della Pet Therapy, la terapia con gli animali, in quanto la ritengo un tipo di terapia molto valida nei casi di persone che presentano disturbi della sfera motoria, cognitiva e relazionale. La Pet Therapy può essere utilizzata con individui di ogni fascia di età e contribuisce a stimolare i meccanismi cerebrali dell’attenzione, a facilitare il coordinamento psicomotorio, a riaccendere le motivazioni e a relazionarsi. Può ridurre i sintomi psicologico – comportamentali perché evoca emozioni positive, comporta stimolazioni tattili piacevoli e elementi ludici.

Ma quali sono i concetti teorici e pratici espressi dalla Pet Therapy? Li possiamo comprendere andando ad analizzare il significato delle parole “pet” che vuol dire animale prediletto, e “therapy” che sta ad indicare la terapia, ovvero quella parte della medicina che si occupa della cura della patologia. Viene anche definita “terapia per mezzo dell’animale” in quanto l’animale ha un ruolo attivo nella situazione in questione, diventando il punto di incontro tra operatore e soggetto seguito.

pet therapy 

Infatti, questo metodo di cura viene utilizzato principalmente nei casi in cui il paziente non collabora spontaneamente con le varie figure mediche: la presenza di un animale permette in molti casi di consolidare un rapporto emotivo con il soggetto e, tramite questa relazione, stabilire sia un canale di comunicazione paziente-animale-medico sia stimolare la partecipazione attiva dell’individuo. Si tratta quindi di una co-terapia da affiancare alla medicina tradizionale in cui sono coinvolte varie figure professionali, quali il responsabile del progetto, un medico veterinario, un coordinatore (solitamente un educatore o uno psicologo) e un coadiutore dell’animale.

L’animale più utilizzato è il cane, ma sono indicati anche i gatti, i conigli, i cavalli, i pesci e gli uccelli di piccola taglia. E’molto importante individuare il tipo di animale più idoneo al singolo paziente in base alle preferenze personali, alla risposta emotiva nelle prime sedute, ad eventuali fobie e allergie.

Potrebbero interessarti

io leggo perché

Giornata mondiale del libro e #ioleggoperché

Per chi ama i libri, ma anche per tutti quelli che ne sfogliano uno ogni tanto. La giornata mondiale del libro e del diritto d’autore che ricorre ogni 23 aprile e che è patrocinata dall’Unesco, è dedicata a tutti, senza esclusione di lettore, anzi forse si potrebbe sperare che...

La signora delle Camelie

I 5 libri che i romantici dovrebbero avere sul comodino

C’è chi è introspettivo, chi razionale, chi invece curioso e poi c’è lui, il lettore romantico che ama le storie un po’ tristi, ma con il lieto fine, insomma si riconosce subito, ecco perché ci sono alcuni libri che i romantici dovrebbero avere sul comodino. Mah si, sul comodino è...

matteo mannucci quando un esperto del web si scopre poeta

Matteo Mannucci: quando un esperto del web si scopre poeta

Io ero tra quelle persone che lo conoscevano come esperto del web, eppure Matteo Mannucci, classe 1984 e una laurea in informatica umanistica, con il suo primo libro si è scoperto autore, poeta di testi delicati e ricchi di vita. Vi avevo già parlato qualche giorno fa di Stare...